3 modalità per parlare di solidarietà internazionale nella stampa locale


Chi ha detto che la solidarietà internazionale non ha un suo spazio nella stampa locale? Con un po’ d’immaginazione, si può facilmente parlare di argomenti internazionali in un media regionale, pur rimanendo nella linea editoriale. Vi proponiamo tre esempi concreti!

bola_mon“Parlare di solidarietà Internazionale nella stampa locale? Quale interesse? “. Durante i tre anni del progetto DevReporter Network, abbiamo più volte affrontato questi interrogativi. Le realtà mediatiche delle tre regioni partner del progetto* erano diverse, ed era soprattutto nella Regione Rhône-Alpes che l’equazione stampa locale / solidarietà internazionale sembrava più complessa. E per una ragione: per un giornalista Rhônalpino i temi legati alla solidarietà internazionale e dei paesi del “sud” sono spesso semplicemente… fuori tema! La legge di prossimità (più una notizia è vicina al lettore, più le interessa) è ancora in atto ed è particolarmente forte per i media regionali. E allora perché cercare di migliorare le informazioni sulla solidarietà internazionale nella stampa locale se questa non è, a priori, interessata al tema? Perché il mondo si nuove, e i lettori cambiano. Il contesto di mondializzazione nel quale viviamo, associato ad avvenimenti rilevanti (attentati, crisi, delocalizzazione…) ci spinge a guardare oltre i nostri confini e a interrogarci sui legami esistenti tra i problemi che viviamo qui e che si vivono altrove.

Senza necessariamente considerarsi “Le Monde”, è possibile affrontare questi problemi sulla stampa locale semplicemente partendo da quanto accade localmente. Ecco alcune piste concrete!

1 / La narrazione dell’esperienza

E se vi si dicesse che la solidarietà internazionale è proprio davanti a voi? Aprite gli occhi e pensate fuori dagli schemi: al di là delle azioni più note, come la raccolta di fondi, ci sono diversi tipi di iniziative di solidarietà intraprese nel vostro territorio. Associazioni, scuole, ospedali, enti locali … La diversità degli attori della solidarietà internazionale offre una vasta gamma di argomenti e tematiche da affrontare. Il ritorno da una missione all’estero di una ONG locale, per esempio, può essere l’occasione di un articolo che faccia il punto sulle azioni intraprese ma anche per mettere in relazione le problematiche affrontate con quelle vissute dal territorio.

Un’altra idea: alcune scuole realizzano progetti di educazione alla cittadinanza mondiale, spesso in collaborazione con scuole di paesi del “Sud”. I temi affrontati possono riguardare lo sviluppo sostenibile, i diritti umani, l’acqua, l’alimentazione… Per trovare esempi di progetti, potete visitare i siti: www.realglobe.eu oppure www.londootiloo.org.

2 / Il ritratto di un attore locale

Piuttosto che concentrarvi su un’azione in quanto tale, potete scegliere di guardare alla storia dell’attore locale che realizza il progetto. Gli eventi organizzati a livello locale (festival, assemblea generale …) dalle organizzazioni coinvolte nelle azioni di solidarietà internazionale possono essere un’opportunità di fare incontri interessanti!

Piccolo suggerimento: il “giovane” è spesso un “buon cliente”. Sono molti, con meno di 30 anni, a volersi impegnare in un’esperienza internazionale di solidarietà. Ad esempio, nel 2014, ben 450 progetti condotti da giovani sono stati sostenuti da strutture giovanili in Rhône-Alpes. Progetti basati su un’esperienza di viaggio e di incontri umani profondamente arricchenti, capaci di lasciare esperienze a volte decisive per il proprio futuro.

3 / L’intervista incrociata

Un po’ più audace, ma possibile, questo formato vi può permettere di dare voce contemporaneamente ad attori qui e là. Se il vostro comune è impegnato in un progetto di cooperazione decentrata, perché non intervistare gli eletti responsabili del progetto e anche i loro omologhi all’estero? Sarebbe un’opportunità per diversificare i punti di vista, di trasmettere una testimonianza di un attore del Sud, pur rimanendo ancorati all’informazione locale.

E voi, quali sono le vostre idee per parlare di solidarietà internazionale nella stampa locale?

Per andare oltre e trovare altri modi per parlare di solidarietà internazionale nella stampa locale, potete consultare l’opuscolo « Hai detto solidarietà internazionale? Piccola guida per giornalisti» (per ora solo in francese) realizzato nell’ambito progetto DevReporter Network. Da notare che anche un altro opuscolo è ugualmente disponibile: « Hai detto Comunicato Stampa? Piccola guida per gli attori della solidarietà internazionale »

* Catalogna, Piemonte, Rhône-Alpes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *